Alimentazione auto elettrica

Efficienza e miglior uso dell’energia, possibili strategie e soluzioni per consumi più sostenibili

di Alberto Chiarini

DOI 10.12910/EAI2020-061

Con quasi 10 milioni di clienti in Europa, Eni gas e luce vuole giocare un ruolo da protagonista nella transizione energetica, puntando su modelli più sostenibili di generazione e utilizzo dell’energia. E, per accompagnare i suoi clienti a fare un uso migliore dell’energia e a usarne meno, ha intrapreso nel tempo un cammino di ‘efficienza’, proponendosi come un vero e proprio alleato energetico specializzato, in grado di offrire soluzioni che aiutino i singoli, ma anche le comunità a consumare in modo più sostenibile.

Alberto Chiarini

Alberto Chiarini

Amministratore Delegato di Eni gas e luce

Lo scenario in cui stiamo vivendo oggi è contraddistinto da mercati in forte evoluzione e cambiamenti ambientali rilevanti. Lo stesso mondo dell’energia è in continua trasformazione in una lunga e complessa transizione energetica a cui le compagnie energetiche di tutto il mondo sono chiamate a rispondere.

Sono proprio le aziende che possono aiutare le persone ad attuare comportamenti più sostenibili e promuovere l’importanza che le azioni dei singoli individui possono avere sul benessere comune perché, solo unendo le forze, è possibile fare la differenza. Molto spesso si tende a pensare che le azioni dei singoli cittadini possano fare poco per cambiare la situazione, soprattutto quando si parla di sostenibilità e ambiente, ma non è così: le buone abitudini spesso producono imitazione e buone abitudini collettive possono contribuire a costruire società ed economie più sostenibili. Installare pannelli solari sulla propria casa oppure riqualificare energeticamente il proprio condominio sono tutte azioni che, se unite all’impegno dei grandi player del settore, possono avere impatti positivi significativi sul mondo in cui viviamo.

Decarbonizzazione e transizione energetica

In linea con la strategia di decarbonizzazione e transizione energetica di Eni, che punta entro il 2050 a rinforzare il suo ruolo di attore globale nel mondo dell’energia attraverso il progressivo sviluppo delle fonti rinnovabili e di nuovi business improntati alla circolarità, Eni gas e luce ha intrapreso nel tempo un cammino di “efficienza” per accompagnare i suoi clienti a fare un uso migliore dell’energia, per usarne meno, proponendosi come un vero e proprio alleato energetico specializzato che punta a offrire nuove soluzioni che aiutino non solo le singole persone, ma anche le comunità a consumare in maniera più sostenibile. Con quasi 10 milioni di clienti in Europa, Eni gas e luce vuole giocare un ruolo da protagonista nella transizione energetica, puntando su modelli più sostenibili di generazione e utilizzo dell’energia. In questo particolare periodo storico, siamo convinti che non si possa prescindere dalla responsabilizzazione collettiva: le aziende e le famiglie sono sempre più consapevoli e pronte a modificare i propri comportamenti e il proprio stile di vita. In un momento storico profondamente toccato dalla pandemia le persone hanno preso ancora più consapevolezza del “voler vivere meglio” le proprie case e della necessità di renderle, il più possibile, confortevoli ed efficienti.

Durante il lockdown della scorsa primavera dovuto al COVID-19 c'è stato per esempio un incremento generale del livello di digitalizzazione, di consapevolezza e di richieste dei clienti in tema di energia e consumi. Per questo, per Eni gas e luce è importante continuare ad assistere ancora di più i nostri clienti proponendo prodotti e servizi mirati non solo alla riqualificazione energetica delle case e dei condomini, ma anche all’utilizzo più efficiente dell’energia, con una particolare attenzione all’energia prodotta da fonti rinnovabili, anche nel settore industriale e delle imprese.

D’altra parte, il contesto è estremamente favorevole grazie allo stimolo della domanda determinato dagli incentivi fiscali e recentemente dal Superbonus, introdotto dal Decreto Rilancio convertito in legge 77/2020.

Si tratta di una detrazione fino al 110% sulle spese sostenute per chi effettuerà interventi di riqualificazione energetica (interventi di isolamento termico e/o sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale) e di riduzione del rischio sismico sui propri condomini o abitazioni singole.
Oltre a questi interventi, possono godere delle stesse condizioni anche altri interventi purché realizzati congiuntamente ai suddetti interventi “trainanti” quali l’installazione di pannelli fotovoltaici e sistemi d’accumulo, e le infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.

Tutti interventi che Eni gas e luce offre, proponendoci come interlocutore unico per i clienti.
Siamo fortemente convinti che il cliente del prossimo futuro vorrà sempre più un unico interlocutore a cui potersi rivolgere dicendo semplicemente che tipo di appartamento ha, da quante persone è composta la sua famiglia, quanti elettrodomestici utilizza e che stile di vita adotta, se ha un’auto elettrica o ibrida chiedendoci energia verde e prodotti decarbonizzati su misura per lui.
Ed Eni gas e luce dovrà essere in grado di venire incontro alle sue richieste.
Per questo, quando avverrà, l’azienda intende essere il miglior interlocutore per tutte le esigenze energetiche del cliente.

Con CappottoMio oltre 130 cantieri per 110 milioni di euro

Un esempio concreto del nostro impegno è CappottoMio, il servizio pensato per la riqualificazione energetica e sismica degli edifici che risponde a tutte le esigenze del condominio o dell’abitazione, sia dal punto di vista tecnico sia finanziario e che, oltre all’isolamento termico delle pareti, include l’adeguamento energetico delle centrali termiche condominiali e gli interventi di consolidamento antisismico per garantire ai nostri clienti, abitazioni più efficienti energeticamente e più sicure.

CappottoMio consente di cedere a Eni gas e luce il credito fiscale anche con il Superbonus 110%. Inoltre, il diretto coinvolgimento delle imprese locali nella progettazione e realizzazione degli interventi, permette di valorizzare le economie e le imprese dei territori. Ad oggi abbiamo una rete di oltre 500 imprese partner e nel 2019 abbiamo avviato oltre 130 cantieri pari a 110 milioni di euro per oltre 70 milioni di crediti fiscali maturati e grazie ai risparmi ottenuti sono state evitate l’emissione di diverse tonnellate di CO2.

Esempio di comunità energetica – Fonte: Evolvere
Esempio di comunità energetica – Fonte: Evolvere

Un condominio o un’abitazione possono essere valorizzati dal punto di vista energetico non solo intervenendo sull’edificio, ma anche fornendo la possibilità di autoprodurre e consumare autonomamente energia attraverso l’installazione di pannelli fotovoltaici e batterie d’accumulo.

Per questo, a gennaio 2020, abbiamo finalizzato l’acquisizione del 70% di Evolvere, società leader in Italia nella generazione distribuita da impianti fotovoltaici che gestisce oltre 11.000 impianti, di cui 8.000 di proprietà. Grazie a questa acquisizione Eni gas e luce contribuisce a diffondere un nuovo modello energetico in cui il cliente si evolve da semplice consumatore a produttore di energia rinnovabile.

Generazione distribuita da fonti rinnovabili e mobilità elettrica

In Eni gas e luce crediamo sia importante puntare sulla generazione distribuita da fonti rinnovabili e per questo, stiamo seguendo attivamente e sostenendo l’evoluzione e la regolamentazione delle comunità energetiche, fondamentali per una svolta concreta verso un consumo sostenibile soprattutto nei grandi centri urbani. Sempre in un contesto di evoluzione delle nostre città abbiamo ritenuto fondamentale investire anche sulla mobilità sostenibile ed in particolare su quella elettrica con l’offerta E-Start per la fornitura di wallbox e colonnine per la ricarica elettrica degli autoveicoli rivolta a clienti residenziali e business. La mobilità elettrica è un altro degli elementi chiave per la transizione energetica e, per il suo sviluppo, è fondamentale un’appropriata diffusione dei sistemi di ricarica e delle infrastrutture per la loro gestione. Un obiettivo sfidante per il futuro, già oggi attuabile, sarebbe avere il fotovoltaico nella propria casa insieme a un sistema di accumulo e alla ricarica elettrica per l’auto. Con queste, più una piattaforma che permetta quando uno dei device ha energia in eccesso di poterla ridare alla rete, si potrebbe perfino usare un sistema "peer to peer" per scambiarsi energia fra vicini di casa.

Uno scenario che sembra lontano, ma che forse non lo è poi così tanto. Nel percorso che stiamo portando avanti per contribuire sempre di più alla transizione energetica, non potevamo di certo trascurare il concetto di efficienza energetica calato sui settori produttivi, del terziario e della grande distribuzione organizzata. In qualità di Energy Service Company (ESCo), nel 2019 abbiamo avviato oltre 20 progetti con la formula dell’Energy Performance Contract (impianti di cogenerazione, pannelli fotovoltaici o relamping di impianti illuminazione) che hanno permesso di riqualificare energeticamente, diminuire il costo della bolletta e ridurre quindi le emissioni di CO2 senza dover sostenere i costi dell’investimento. Nel biennio 2019-2020 abbiamo sottoscritto 52 contratti evitando quindi l’emissione di 4.800 t di CO2.

Partnership e condivisione di valori

In questo importante percorso che richiede l’impegno di tutti, mai come ora sono fondamentali partnership tra grandi aziende, basate su una condivisione di valori che permetta di contribuire a un obiettivo comune. Per questo, abbiamo di recente firmato un’importante accordo con Eataly che non è una semplice collaborazione commerciale, ma un’alleanza per unire le forze al fine di contribuire a diffondere la cultura della sostenibilità e dell’importanza dell’efficienza energetica.
In questa prima fase della partnership, Eni gas e luce si occupa di valutare la corretta gestione degli impianti di riscaldamento, raffrescamento e ventilazione già in uso, con una manutenzione mirata, monitoraggio e analisi dei consumi e lo studio delle attività comportamentali legate al consumo e abbiamo poi individuato le possibili aree di miglioramento impiantistico suggerendo investimenti in tecnologie innovative e in soluzioni di recupero energetico.

Altrettanto importante è il percorso sostenibile che insieme, Eni gas e luce ed Eataly, vogliono condividere con i fornitori di Eataly per accompagnarli nel fare un uso più consapevole dell’energia, in modo da andare a intervenire su tutta la filiera produttiva.

Perché questo avvenga è importante supportare anche i più piccoli produttori e sostenerli negli eventuali investimenti che saranno necessari per renderli ancora più energeticamente efficienti.
Per contribuire concretamente alla transizione energetica in corso e agli obiettivi di decarbonizzazione, Eni gas e luce ha intrapreso un cammino importante che è quello di fornire soluzioni e servizi altamente professionali e sostenibili per aiutare i clienti a consumare meglio e meno.

È un percorso ancora molto lungo e sicuramente impegnativo, ma siamo convinti che, grazie all’impegno di tutti, potremmo davvero contribuire a costruire una nuova consapevolezza energetica.

Alberto Chiarini è Amministratore Delegato di Eni gas e luce SpA dal 1 luglio 2017.
Entrato in Eni nel 1989, dopo la specializzazione presso la Scuola Enrico Mattei, inizia una carriera in ambito internazionale nell’area economico-finanziaria, ricoprendo posizioni di crescente responsabilità in diversi Paesi (tra cui Regno Unito, Congo, Libia ed Olanda) fino a diventare Managing Director presso Eni UK. Successivamente è stato responsabile della funzione Pianificazione e Controllo della Divisione Exploration and Production e, poi, della funzione di Global Procurement and Strategic Sourcing di Eni. Nel 2011 è nominato Amministratore Delegato di Syndial, nel 2013 diventa Chief Financial and Compliance Officer di Saipem SpA e tre anni dopo Chief Retail Market gas & Power Officer di Eni SpA.


Stampa