×

Attenzione

Direttiva EU e-Privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità, e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati e su come disabilitarli leggi l’informativa.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Questa decisione può essere annullata.

Anno 2016

Cover

Patrimonio Culturale, dal bello al possibile

n. 4 Ottobre - Dicembre 2016

Questo numero è dedicato al contributo che le nuove tecnologie possono offrire sia per la conservazione sia per la fruizione dei beni culturali: dalla diagnostica sui materiali e sugli effetti di degrado dovuti all’ambiente, al monitoraggio strutturale per prevenire danni ai beni e agli utenti, dalla riqualificazione di edifici e monumenti ai musei virtuali. Si fa inoltre il punto sullo stato del nostro patrimonio culturale e monumentale dando voce a esperti del settore e intervistando Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Completa il fascicolo la rubrica Spazio aperto, dedicata invece ad altri temi: l'impatto socio-economico della protonterapia, alternativa alla radioterapia per la cura di malattie oncologiche, e il cibo come farmaco naturale nell’era della nutriepigenomica.

Cover

Uomini e insetti, dalla logica di sterminio all'alleanza per la sostenibilità

n. 3 Luglio - Settembre 2016

Il numero è dedicato alla difesa integrata delle colture agricole dagli insetti dannosi, una strategia che riduce drasticamente l’uso dei fitofarmaci ed è quindi più rispettosa dell’ambiente e della salute dell’uomo. Gli articoli, opera di autori che provengono dal mondo della ricerca, dell’amministrazione pubblica, della produzione agricola, della cooperazione internazionale e della consulenza tecnica, intendono fare il punto delle conoscenze fin qui acquisite e discutere il complesso mix di misure politiche e di attività di ricerca, di organizzazione dei produttori e di assistenza tecnica, che può permettere di trasformare i rapporti tra uomini ed insetti da una logica di sterminio ad una alleanza per la sostenibilità. Completa il numero la rubrica Spazio aperto, dedicata ad altri temi: il fenomeno delle fioriture tossiche nei grandi bacini idrici e l’idea che del Paese ha la cultura della comunicazione.

Cover

Efficienza energetica e vantaggi per lo sviluppo

n. 2 Aprile - Giugno 2016

Questo numero è dedicato al tema dell’efficienza energetica. Si apre con un’intervista al Direttore esecutivo dell’International Energy Agency, Fatih Birol. Gli articoli in Focus illustrano i meccanismi di incentivazione esistenti in Italia e affrontano tematiche specifiche come la contabilizzazione dell’energia termica negli edifici, le diagnosi energetiche, la mobilità urbana, il sistema agricolo-alimentare e altri temi connessi alle problematiche energetiche e ambientali. Sono presenti anche due articoli di carattere “sociale”. Il primo affronta le problematiche legate alla comunicazione e un altro l’interazione tra tecnologie e comportamento umano. L’intera sezione internazionale è dedicata alla riduzione del fabbisogno energetico degli edifici.

Prima della rubrica Spazio aperto, nella quale si affrontano i temi della decarbonizzazione dell’economia e dei contratti di fiume, viene presentato, in Punto & contropunto, un confronto tra Rosa Filippini degli Amici della Terra e Chicco Testa di Assoelettrica.

Cover

Dopo la COP21, nuove proposte sul clima

n. 1 Gennaio - Marzo 2016

I cambiamenti climatici sono ormai entrati ormai nell’agenda delle popolazioni, anche di quelle non ancora interessate in maniera diretta e pesante dalle loro conseguenze. Le problematiche relative ai cambiamenti climatici sono di tipo multifattoriale e sono spesso “enfatizzate” da una cattiva gestione del territorio. È questa la ragione per cui l’argomento viene qui trattato considerandone i molteplici aspetti ambientali, sociali ed economici. A Parigi si è molto parlato delle azioni da intraprendere per mitigare gli effetti ed è stato riaffermato il principio che le generazioni presenti hanno la responsabilità di vegliare affinché i bisogni e gli interessi delle generazioni future siano salvaguardati. Con questo primo numero 2016 della nuova Rivista ENEA, desideriamo dare il nostro contributo alla comprensione dei temi globali e ambientali legati al cambiamento climatico, cercando il più possibile di dare spazio al mondo della ricerca non solo ENEA, ma anche di altre Istituzioni.   


Stampa